• 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
(+39) 0735 631498
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Richiedi un preventivo personalizzato gratuito e senza impegno (* dati obbligatori)

5 buoni motivi per sceglierci

5 buoni motivi

Trivago

Testimonials

Se il vostro desiderio è quello di trascorrere una vacanza speciale dovete indubbiamente andare al hotel "La Perla Preziosa".E' a due passi dal mare ,ma abbastanza defilato per non essere nel caos.Ottimo il servizio dell'hotel...

Katileone - Rimini, Italia - 06/03/2012

tripadvisor trasparente

Condividi su:

Escursioni

RIPATRANSONE (12 KM)
 
A 494 s.l.m., ad appena 10 km dalla costa di Grottammare, Ripatransone è definita il “Belvedere del Piceno”, per la splendida vista a 360 gradi che dalla sua sommità si apre su tutto il territorio circostante. Un panorama che consente di apprezzare la varietà dei paesaggi del Piceno, dal mare alle colline di vigneti ed oliveti fino a scorgere i Monti Sibillini, a circa 40 km di distanza. Le mura quattrocentesche racchiudono un centro storico che è di per sé una suggestiva opera d’arte: accanto all’impianto urbano, di tipo medievale, come tutti i centri dell’entroterra, è possibile ammirare edifici di stile rinascimentale e barocco, in particolare lungo il corso principale. Ripatransone è anche un piccolo centro ricco di cultura, terzo polo museale del Piceno: ha un notevole patrimonio storico e artistico, custodito nei suoi musei, tra cui spicca l’importante Museo Archeologico con rari reperti della preistoria, della civiltà picena e romana. Da visitare la Pinacoteca, con opere cha arrivano fino al sec. XV e raffinate opere architettoniche come il teatro Mercantini, recentemente restaurato e l’anfiteatro delle Fonti. Nei musei, durante il periodo estivo, si possono usufruire di visite guidate gratuite. Tra le curiosità, a Ripatransone si trova il Vicolo più stretto d’Italia, largo appena 43 cm, tra 2 edifici medievali.
164
165
OFFIDA (25 KM)
 
Offida è una graziosa cittadina collinare, a 18 km dal mare, che ha mantenuto intatto il proprio assetto urbanistico medievale. Nel suo centro storico, tra i più belli delle Piceno, racchiuso tra splendide mura merlate, spiccano il Palazzo Comunale, sede dello storico teatro ‘Serpente Aureo’, e la Chiesa di S. Maria della Rocca. Il Palazzo Comunale è un edificio in mattoni molto elegante nell’equilibrio delle sue proporzioni, arricchito da una torre trecentesca coronata da merli. La Chiesa di S.Maria della Rocca è invece il principale monumento cittadino, situato su una maestosa rupe, con una stupenda cripta di stile romanico-gotico. Offida è famosa soprattutto per la lavorazione del Merletto a Tombolo, ottenuto attraverso l’intreccio di fili sottili avvolti attorno a fuselli in legno. Ancora oggi, passeggiando per le vie del centro, è possibile incontrare le donne che lavorano il tombolo sull’uscio di casa. Un’arte che si tramanda ancora di madre in figlia. Alcuni dei lavori più belli fatti a tombolo sono attualmente nel Museo del Merletto, conservati all’interno del Palazzo Pagnanelli, che ospita anche la Pinacoteca Comunale, e i Musei Archeologico e delle Tradizioni Popolari. Merita una visita anche il Museo Aldo Sergiacomi (1912-1994) che contiene le opere dell’omonimo scultore affidano. Offida è anche sede nei venerdì di Luglio ed Agosto di un suggestivo Mercatino d’artigianato serale.
166
167
ACQUAVIVA PICENA (15 Km)
 
Acquaviva, a 365 s.l.m. sulle colline che scendono verso il mare Adriatico, offre una piacevole occasione, a pochi km dal mare (6 km dalla costa sambenedettese), per una passeggiata all’aria pura, tra i vicoli suggestivi, stretti e tortuosi, del nucleo storico medievale. Qui, sul borgo antico, si trova il monumento simbolo del paese, la Rocca medievale, una splendida fortezza, capolavoro dell’architettura militare marchigiana, risalente al quattordicesimo secolo, che ha conservato intatta la sua antica e maestosa bellezza. Dalla sommità del mastio, è incantevole lo spettacolo paesaggistico che si può scoprire con la vista sul mare, sulle colline fino alle vette del Gran Sasso. Acquaviva è anche un paese che conserva le sue tradizioni storiche e artigianali. Ancora oggi sopravvive l’arte di fabbricare cesti con la paglia di grano, le cosiddette ‘pagliarole’, tipici cesti intrecciati a mano. Tra le manifestazioni più importanti va segnalato il ‘Palio del Duca’, rievocazione storica medievale che si tiene il primo venerdì di Agosto, durante la quale i 2 rioni del centro storico, la Rocca ed il Colle, si affrontano in una serie di giochi medievali. D’estate, tutti i mercoledì di Luglio ed Agosto, lungo le vie del centro storico, si tiene di sera un pittoresco 'Mercatino dell’artigianato e delle tipicità'.
168
169
ASCOLI PICENO (40 Km)
 
Ascoli Piceno, città del travertino, è una delle più belle località delle Marche, carica di suggestioni, gioiello d’Arte da visitare. Lasciandosi andare al piacere della scoperta delle sue ricchezze artistiche e monumentali, che si leggono nei palazzi, nelle piazze, nelle facciate delle case del centro storico. Un centro storico stupendo, che deve armonia ed eleganza alla bellezza del travertino ascolano, con la sua tipica tonalità avorio e le belle venature, pietra con cui per 2000 anni è stato costruito tutto il tessuto urbano, dagli edifici di tutti i tipi fino alla pavimentazione delle sue piazze. Antichissima capitale dei Piceni, più antica di Roma, Ascoli è una città dai mille volti che mostra il suo grande passato, medievale, rinascimentale, barocco, nella sua architettura, come nei suggestivi scorci delle sue piazze, tra cui spicca la Piazza del Popolo, luogo simbolo della città, salotto d’Italia, su cui si affaccia la scenografica Chiesa di S. Francesco in un meraviglioso stile romanico-gotico. Ascoli, la città dell’’oliva all’ascolana’, è famosa anche per il Torneo della Quintana, che si tiene ogni anno tra fine Luglio ed i primi di Agosto, che è una rievocazione degli antichi giochi medievali tra i vari sestieri della città, insieme ad una sfilata scenografica in costumi quattrocenteschi. Da visitare i numerosi musei presenti in città che testimoniano la ricchezza storica e artistica del suo passato.
170
171
SAN BENEDETTO DEL TRONTO
 
Percorrendo i 5 km di lungomare, uno dei più suggestivi d’Italia, si comprende perché questo luogo viene definito “Riviera delle Palme”: costeggiata da 7000 palme, di 20 tipologie diverse, intervallate da oleandri e fiori, San Benedetto oggi conta quasi 50.000 abitanti. Splendido il lungomare, recentemente riqualificato, con 8 km di pista ciclabile, posizionata sul lato est del lungomare e che consente di godere appieno dello spettacolo offerto dalla lussureggiante vegetazione. San Benedetto del Tronto, oltre ad essere un importante porto peschereccio ed attivo mercato ittico che vende pesce in tutta Italia, è tra i centri balneari più frequentati del medio Adriatico, amata per la lunga spiaggia finissima, per le palme che crescono anche sulla spiaggia e per le ampie pinete che caratterizzano il centro. Il porto di San Benedetto offre anche la possibilità di usufruire di barche da turismo per gite in mare vicino alla costa, durante le quali vengono offerte gustose degustazioni di pesce appena pescato con la possibilità di godersi bagni rinfrescanti in mare aperto. Dal mare, che costituisce comunque uno dei punti cardini della storia e dell’economia della città, sono pervenute testimonianze importanti custodite nel Museo Ittico e nel Museo delle Anfore.
172
173